• Cargoful Team

La road electrification diventa realtà in Germania

Aggiornamento: set 2

Abbiamo discusso a lungo riguardo a come l'elettrificazione delle strade rivoluzionerà il mondo del trasporto. Tuttavia, come ogni discorso sul futuro, tale assunzione potrebbe aver lasciato gli amanti della praticità – un valore preziosissimo per chi lavora nella logistica – un po' scettici riguardo alla effettiva fattibilità delle e-Roads. Quindi, per fugare ogni vostro "sì, ma..." vi accompagneremo in un breve viaggio: sulla autostrada A5, nel Sud della Germania.


Il progetto

Ci troviamo a poche miglia da Francoforte sul Meno, nel prospero Stato dell'Assia,che oltre ad essere la capitale finanziaria d'Europa è anche la seconda regione più industrializzata della Germania. Prevedibilmente, l'Assia presenta una rete stradale altamente strategica ed efficiente, che sorregge la sua effervescente economia per un totale di 24 autostrade in 21100 km2.

Tuttavia, con 135,000 veicoli giornalieri – di cui 14,000 camion – la A5 è una delle autostrade più inquinate del Paese, cosicché renderla sostenibile è diventata un'assoluta priorità.


Per affrontare la questione, nell'agosto 2017 lo Stato ha commissionato alla famosa multinazionale Siemens la costruzione di una catenaria sopraelevata per elettrificare il trasporto di merci. Nello specifico, la tratta si estende per dieci chilometri dall'interscambio Zeppelinheim/Cargo City Süd presso l'aeroporto di Francoforte e l'intrscambio Darmstadt/Weiterstadt.

La e-Highway, che è aperta dal maggio 2019 ed in servizio dall'estate 2020, è fino ad ora stata utilizzata da cinque camion ibridi R 450 provvisti di pantografo, forniti dal celebre produttore svedese Scania. Quest'ultimo è stato anche incaricato di gestire la manutenzione dei veicoli e dii raccogliere i dati durante i test.

Ad oggi, si pianifica di estendere la tratta elettrificata di sette chilometri, mentre Scania provvederà altri sette camion muniti di pantografo. Questo ampliamento, da completarsi entro la fine del 2022, porterà ad un totale di dodici chilometri in direzione Darmstadt e cinque chilometri verso Francoforte.


Il progetto "Siemens eHighway" in numeri. Credits: Siemens

Come funziona

Tuttavia, sappiamo che per convincerti pienamente dobbiamo portarti dentro la tecnologia – dato che, purtroppo, non possiamo portarti dentro i camion (per ora).

In breve, il sistema di elettrificazione usato sulla A5 si compone di tre parti: alimentazione, pantografo, tecnologia ibrida.

La prima sfrutta un sistema catenario a due poli, che conduce ad un filo di contatto, provvedendo una trasmissione di corrente molto stabile anche ad alte velocità. La fornitura di energia per le catenarie sopraelevate deriva da cabine equipaggiate con quadri a medio voltaggio, trasformatori di potenza, rettificatori e convertitori controllati (per ritornare l'energia elettrica generata dai sistemi di frenatura a recupero dei veicoli).

Dopodiché, il pantografo trasmette l'energia dalle linee di contatto sovrastanti al motore elettrico del veicolo. Il pantografo può essere facilmente (dis)connesso, sia manualmente che automaticamente, fino ad un massimo di 90 km/h di velocità. In più, esso si disconnette automaticamente nel caso di manovre evasive o se vengono azionate le frecce.

La tecnologia di guida ibrida permette al camion, una volta lasciata la tratta elettrificata, di tornare al suo tradizionale motore. Non vi sono restrizioni riguardo al tipo di guida ibrida utilizzata, che può spaziare dal biodiesel, alla batteria, alle celle a combustibile ecc., a seconda delle preferenze del cliente. Infine, i motori elettrici dei camion operanti sulla e-Highway permettono anche di recuperare l'energia frenante del mezzo, come per i veicoli ibridi tradizionali.



Guardando oltre l'Assia

La grande efficienza energetica delle e-Roads incoraggia un'ulteriore diffusione di tale tecnologia, all'interno e all'esterno della Germania.

Infatti, dopo il tentativo della A5, altre due simili sperimentazioni sono state avviate nel Paese (la A1 nello Stato di Schleswig-Holstein e la B462 nel Baden-Württemberg), e questo numero è destinato a crescere: le stime espongono che, elettrificando solo un terzo delle autostrade tedesche, l'80% dei mezzi pesanti operanti nel Paese potrebbero essere alimentati elettricamente. In merito a ciò, il Ministero tedesco dell'ambiente ha annunciato che 4000 chilometri di autostrade potrebbero essere elettrificate ne futuro più prossimo.


Infine, se guardiamo al futuro delle e-Roads al di fuori dei confini tedeschi, la sfida più grande che dovremo affrontare è sicuramente l'interoperabilità: gli esperti avvisano che, per costruire una rete stradale elettrificata al livello europeo, una certa soluzione standardizzata dovrà essere adottata multilateralmente. Tale integrazione richiederà un eguale sforzo di coordinazione rispetto ai corridoi di trasporto internazionali.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti